Sermoneta, un borgo medievale tutto da scoprire

  • Home
  • Borghi
  • Sermoneta, un borgo medievale tutto da scoprire
sermoneta-borghi-latinamipiace

Sermoneta cosa vedere e cosa fare

Un borgo da favola

Consiglio Latinamipiace!
Sagra della Polenta

Stagione Ideale
Primavera


Tipo di attrazioni
Architettoniche/ Storiche

Prodotto tipico
Biscotti al vino

Incastonata tra i monti lepini e l’agro pontino Sermoneta è uno dei borghi medievali più caratteristici ed affascinanti della provincia di Latina. Un borgo circondato da mura, colli d’ulivi e dominato da un imponente castello tra i più importanti e meglio conservati del Lazio. Dal 2017 inoltre Sermoneta e tra le “100 Mete d’Italia” una delle 100 mete italiane da visitare e non perdere. Ma vediamo insieme cosa vedere e cosa fare a Sermoneta.

Sermoneta cosa vedere

Centro storico

sermoneta-passeggiata-latinamipiaceIl centro storico di Sermoneta nasce nell’Alto Medioevo come villaggio fortificato, e rimane tale fino al XIII secolo quando divenne il florido feudo dei Caetani, storica famiglia laziale, che ne conservarono la bellezza e la sua importanza fino ai giorni nostri.

Tutta la sua storia è conservata nel centro storico, tra antiche abitazioni in pietra calcarea, loggiati,case-torri e elementi architettonici e decorativi di notevole pregio.

Tra gli edifici d’importanza storica ed artistica da vedere a Sermoenta troviamo la Loggia dei Mercanti e le sue arcate, la Chiesa dell’Annunziata, il Palazzo Comunale del quattrocento, la Sinagoga ebraica e l’imperdibile Via delle Scalette ed il Belvedere da cui si può ammirare tutta la pianura pontina fino al litorale pontino.

Il centro storico di Sermoneta è costruito per la maggior parte in pietra locale circondato da una cinta muraria aperta su cinque porte e si addensa sotto il castello.
Altra attrazzione da non perdere è il vecchio lavatoio comunale di Sermoneta, costruito a ridosso delle mura di cinta del borgo tra la fine dell'ottocento ed i primi anni del novecento, è composto da tre grosse vasche in pietra calcarea. Le vasche sono costruite a gradoni, con un dislivello per decantare le acque saponate. Il lavatoio è formato inoltre da tre arcate laterali che si affacciano sulla Pianura Pontina. Si tratta di un angolo poco fotografato ma molto suggestivo.

Castelo Caetani

borghi-castelo-caetani-latinamipiaceCome accennato in principio Sermoneta fu il florido feudo dei Caetani ed il castello è sicuramente il maggior rappresentante della forza di questa famiglia, anche se venne costruito per volere della famiglia degli Annibaldi, agli inizi del 1200. Solo nel 1297  i Caetani ne vennero in possesso in quanto gli Annibaldi caddero in disgrazia e cedettero tutte le loro proprietà.

Grazie a questo cambio il castello di Sermoneta acquistò nuovo vigore e fu ampliato, a questa epoca d’oro risale la Sala dei Baroni e le Camere Pinte. Purtroppo però nel 1500 il dominio dei Caetani si interruppe per via di una scomunica del papa Alessandro VI Borgia, che ne fu proprietario fino alla sua morte.  Grazie all’ascesa di Giulio II i Caetani ritornarono a Sermoneta per rimanerci fino ai giorni nostri. Attualmente è un museo ed un luogo per manifestazioni culturali,  la Fondazione Roffredo Caetani è quella che si occupa della tutela e conserva.

Il castello di Sermoneta è costituito da un sistema di difese tra cui la cittadella, il ponte levatoio, il fossato, il maschietto e il maschio isolabili con passerelle. Al suo interno vi sono diverse sale tra cui :

  • le Camere Pinte che prendono il nome dagli affreschi della scuola del Pomarancio
  • le segrete con i disegni e grafiti dei prigionieri
  • la Casa del Cardinale e le sale residenziali
  • le scuderie

Sei affascinato/a dai castelli? Allora non puoi perdere i 10 più bei castelli della provincia di Latina

Cattedrale di Santa Maria Assunta

sermoneta-Cattedrale-di-Santa-Maria-Assunta-latinamipiaceUna delle attrazioni che sicuramente non deve essere tralasciata è la Cattedrale di Santa Maria Assunta nata nel tredicesimo secolo e contraddistinta dal suo campanile, poderoso e solenne. Nella Cattedrale si trova l’Oratorio dei Battenti all’interno del quale è stato allestito un museo di arte sacra con dipinti del sedicesimo e diciottesimo secolo. Si può inoltre ammirare il dipinto più prezioso, chiamato "Madonna degli Angeli" o Madonna con Sermoneta in grembo" attribuito a Bonozzo Gozzoli.

Chiesa di San Michele Arcangelo

La chiesa di San Michele Arcangelo è una delle più antiche di Sermoneta e sorge nel cuore medievale del paese, di fronte ad una splendida casa torre, oggi adibita ad albergo.

Giardino degli Aranci

sermoneta-giardino-degli-aranci-latinamipiaceIl Giardino degli Aranci risalente al millecinquecento era originariamente un “pomerio” una zona utilizzata per la difesa del borgo e dove non si poteva costruire o coltivare. Solo nel settecento si inizia ad usare questa zona come giardino, per arrivare ai giorni nostri in cui vi sono puri alberi di agrumi.

Museo della ceramica e C’era una volta

Vi sono due piccoli musei che possono essere visitati, il museo della ceramica di proprietà del comune in cui viene ripercorsa la storia della ceramica e contenente molteplici oggetti da vasellame a corredi funerari. Vi è poi il singolare museo C’era una volta, adiacente alla sinagoga, che ospita la ricostruzione di sei scene di vita quotidiana con differenti materiali tutte realizzate a mano dalla ceramista Daniela Caruso.

Chiesa ed ex Convento di San Francesco

A circa un chilometro dal centro storico di Sermoneta, collegato da Via San Francesco una strada panoramica si trova la chiesa ed ex Convento di San Francesco. Un complesso monastico, nato nel XII secolo come fortilizio dei Templari, e che ha visto nei secoli il susseguirsi di diversi ordini monastici. Tra le varie testimonianze storiche sul piazzale antistante la chiesa è presente un gigantesco leccio del 1495 donato da papa Alessandro VI ai frati Minori Osservanti.
Il complesso religioso si compone :
Una chiesa ad una sola navata con volta a crociera e tre cappelle, una di esse accoglie il Sacrario dei Caduti dell’Egeo nella seconda guerra mondiale a ricordare le quindicimila vittime del 1943. 
Il convento è costituito da un grande chiostro quadrangolare coperto da volte a crociera in cui sono affrescate le Scene della vita di San Francesco d’Assissi. Al piano terra si trova invece il refettorio con una rappresentazione ad affresco dell’Ultima Cena del 1576-1586, commissionato dal cardinale Enrico Caetani al pittore Antonio Circignani detto il Pomarancio.

Sermoneta cosa fare

Trekking ed Escursioni a Sermoneta

Sicuramente una delle attività più apprezzate è il trekking la vicinanza al Semprevisa, al Santuario del Crocefisso e la facilità di alcuni percorsi lo rende meta ideale per tutti gli appassionati esperti e non. Inoltre nelle vicinanze passa la via Francigena del Sud uno degli itinerari più importanti del nostro paese.

Infine se vi piacciono le escursioni vi consigliamo di leggere la nostra guida sui 10 posti più belli dove fare trekking nella provincia di Latina.

Prodotti tipici

La cucina sermonetana è ricca di piatti e sicuramente alcuni di essi non possono essere persi qui trovate alcuni dei  piatti tipici  : 

La polenta

Torta alla ricotta

Biscotti al vino

Pappardelle al cinghiale

Il trombolotto

Come arrivare a Sermoneta

Come arrivare a Sermoneta in treno

Come arrivare a Sermoneta in treno? Se volete arrivare a Sermoneta con il treno vi basterà scendere alla Stazione dei treni di Latino Scalo e da li prende un autobus di linea, la compagnia è la COTRAL, qui potete trovare gli orari degli autobus da e per Sermoneta.

Come arrivare a Sermoneta da Roma

Come arrivare a Sermoneta da Roma? Se volete arrivare a Sermoneta da Roma vi basterà prendere SR148 (Via Pontina) direzione Latina ed uscire alla rotonda di Borgo Piave. Da li si prenderà la quarta uscita direzione Strada della Chiesuola fino ad arrivare a Latina Scalo. Da qui si seguiranno le indicazioni fino a Sermoneta.  

Sermoneta è uno dei borghi medievali più caratteristici ed affascinanti della provincia di Latina, una bellezza da non perdere.

Offerta del giorno

Booking.com





Leave a Comment